CARPIGNANO INSIEME



Eni...di nuovo!

IL NOSTRO SINDACO SCRIVE A MATTEO RENZI
13/06/2017
Il 06/06/2017 il sindaco di Carpignano ha avuto modo di incontrare a Milano Matteo Renzi.
Per approfondire i temi accennati nel breve incontro, gli ha scritto la lettera qui sotto allegata chiedendogli conto delle scelte fatte da Ministri che Lui stesso ha a suo tempo nominato e delle scelte che il suo stesso partito deve fare . Atteso che la Provincia di Novara, la Regione Piemonte, entrambe a guida PD hanno detto NO alle ricerche di idrocarburi nel Nostro territorio d’Eccellenza e si trovano drammaticamente per Noi , in disaccordo col Governo centrale in gran parte facente riferimetno al PD dato che i ministri Franceschini e Galletti (anch’Egli incontrato nel luglio 2016 e che ci aveva in parte rincuorato) hanno firmato il benestare al via per la prospezione.
Sara’ un’Estate calda , ricordate a TUTTI quanto sia assai più preziosa l’ACQUA del petrolio....lo ha ricordato anche il Papa a tutti Noi nella sua enciclica LADUATO SII.
ACQUA = VITA !

La lettera completa

...ALLA FINE IL MINISTERO DICE SI'
03/06/2017
Purtroppo, come previsto, è arrivato il decreto di autorizzazione. Emanato dal Ministro dell'Ambiente di concerto con il Ministro dei Beni Culturali sulla valutazione di impatto ambientale decreta "la compatibilità ambientale del progetto di perforazione di un pozzo esplorativo denominato "Carpignano Sesia 1dir" nel permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi denominato "Carisio", sito nel comune di Carpignano Sesia (NO), presentato dalla società Eni S.p.A. con sede legale in Roma, piazzale Enrico Mattei 1, a condizione che vengano ottemperate le prescrizioni e gli adempimenti amministrativi nel seguito indicati."...
Non credo ci sia molto da aggiungere, ma sicuramente non smetteremo di combattere con tutti i mezzi che la legge ci mette a disposizione.

Il decreto

Parere commissione tecnica Min. Ambiente-parte 1

Parere commissione tecnica Min. Ambiente-parte 2

Parere Ministero beni culturali

REGIONE PIEMONTE E PROVINCIA DI NOVARA RIBADISCONO IL NO
18/02/2017
Nella seduta del 14 febbraio 2017 la Regione Piemonte approva la mozione presentata dal primo firmatario Gian Paolo Andrissi (M5S) che impegna la Giunta affinché - nonostante l'eventuale epilogo positivo sulla Valutazione d'impatto ambientale (con probabili prescrizioni) elaborato dal Ministero dello Sviluppo economico - mantenga ferma la posizione politica espressa sulla base delle potenziali ricadute conseguenti alla realizzazione del progetto "Carpignano Sesia 1" (ora diventato "Carisio 1"), presentato nel marzo 2012 dalla divisione Exploration & Production di Eni, che prevederebbe la perforazione di un pozzo esplorativo per la ricerca e lo sfruttamento del petrolio. Tale progetto, infatti, avrebbe conseguenze nefaste "sull'assetto socioeconomico di un territorio particolarmente vocato alle produzioni agroalimentari e vitivinicole di pregio e, in generale, caratterizzato da naturalità del contesto ambientale, che rappresenta un'area importante di ricarica di una delle cinque riserve d'acqua strategiche del Piemonte, nonostante l'eventuale epilogo positivo sulla VIA (con probabili prescrizioni) elaborato dal Ministero dello Sviluppo economico".

La mozione

Lo stesso giorno la Provincia ha convocato una conferenza stampa con la presenza del sindaco di Carpignano per ribadire l'ennesimo no al pozzo esplorativo di Carpignano Sesia.
«Siamo rimasti basiti – afferma il presidente Matteo Besozzi – perché questo sì è arrivato dopo che tutti gli enti interessati, dal Comune di Carpignano, alla Provincia, alla Regione, passando per Arpa, Asl, Comitati di cittadini e una ventina di Comuni del territorio, si erano espressi negativamente. Ricordo che lo stesso consiglio provinciale aveva espresso unanimemente la sua contrarietà».
«La valutazione finale spetta al Ministero – aggiunge il consigliere delegato Giuseppe Cremona – e crediamo che debba essere una valutazione politica, non tecnica: così ribadiamo ancora una volta il ‘no’ della Provincia di Novara, un ‘no’ motivato dal fatto che quel territorio è a vocazione agricola di pregio ed è un territorio che va tutelato. Chiediamo che i parlamentari del Novarese ci appoggino in questa battaglia».
«Il Ministro deve sapere che la volontà popolare è quella di difendere il proprio territorio, la propria vocazione economica – dichiara il sindaco di Carpignano, Giuseppe Maio – Faccio fatica a credere che ci si voglia mettere contro la volontà popolare, alimentando il sentimento di anti-politica».

SI DALLA COMMISSIONE AMBIENTE
01/02/2017
"Parere positivo con prescrizioni" sulla tutela delle falde dalla Commissione tecnica di valutazione di impatto ambientale del Ministero dell'Ambiente sul pozzo esplorativo di Carpignano.
Ora il dossier è all'esame del Ministro Galletti, seguirà l'esame del Ministero dei Beni e delle attività culturali. Infine il Ministero dello Sviluppo economico potrà emettere l'eventuale autorizzazione.
Non conosciamo ancora le prescrizioni dei 47 tra docenti, ingegneri e avvocati che compongono la Commissione. Tra queste vi è certamente la richiesta di tutela delle falde idriche.
Sorprende il parere in totale controtendenza rispetto a quanto espresso dagli organi tecnici della Regione Piemonte, che avevano tutti espresso parere negativo, cosicchè la Regione aveva bocciato il progetto. Lo stesso Presidente Chiamparino aveva più volte espresso la sua contrarietà, anche tramite stampa e televisioni. Come abbiano potuto i tecnici romani smentire quelli piemontesi nonostante la legge ritenga necessaria la concertazione tra i due enti (Stato e Regione), non è al momento dato sapere.
Eni ha apportato, dal 2012 ad oggi,continue apparenti modifiche ad un progetto che sempre meno è stato valutato nella sua globalità di impatti ambientali (quindi non solo sul piano tecnico, in risposta a singole osservazioni critiche, ma rispetto ai caratteri globali socio-economici e ambientali dei territori interessati).
Anche alle criticità che sarebbero state sollevate ora dalla commissione tecnica ministeriale Eni darà nuove risposte prorogando una guerra di osservazioni che ha un solo fine: rendere sempre più inutilmente confuso il confronto. Un abito fatto da variopinti rattoppi non potrà mai definire altro che una sola identità: quella della maschera di Arlecchino. Poniamo il problema di un serio progetto relativo allo sviluppo del territorio. Il mondo si sta muovendo verso le fonti energetiche alternative ma Eni non riesce che a guardare al passato rinunciando a riprogettare il proprio futuro.

IL SINDACO DI CARPIGNANO SCRIVE AL MINISTERO IN RISPOSTA A TRECATE 23/11/2016



La lettera

ENI PRESENTA INTEGRAZIONI VOLONTARIE AGLI ENTI INTERESSATI
28/10/2016
Il 25 ottobre 2016 ENI ha trasmesso a tutti gli Enti interessati delle "integrazioni volontarie", finalizzate a rispondere ad alcuni rilievi emersi in Conferenza dei servizi. Si tratta dei documenti denominati: - Studio monitoraggio Carpignano completo;
- Sezioni idrogeologiche amb. def.;
- Elenco Elaborati 207 Chiar bis;
- CARPIGNANO trasmissione chiarimenti;
- Carpignano Sesia1Dir 207 Chiar bis;
Non è ancora finita...

Le Integrazioni Volontarie

IL COMUNICATO DELLA CONFERENZA EPISCOPALE PIEMONTESE PER IL SI AL REFERENDUM
21/3/2016


TERRAMIAMO: IL COMITATO DNT LANCIA LA CAMPAGNA PER ACQUISTARE I TERRENI DOVE VOGLIONO TRIVELLARE
20/02/2016

Scopo dell’iniziativa è ostacolare con decisione il progetto avanzato nel 2012 da Eni, finalizzato ad avviare attività di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi nei territori di Carpignano Sesia e dei Comuni limitrofi.
Con la campagna TerraMIAmo il Comitato Dnt propone agli abitanti dell’area, da tempo impegnati a contrastare la proposta del gruppo petrolifero, di assumere direttamente la proprietà dei terreni sui quali dovrebbero essere insediati gli impianti di ricerca e coltivazione degli idrocarburi per confrontarsi direttamente con l’azienda.
A chi aderirà all’iniziativa tramite il versamento della quota minima di venti euro, verrà assegnata una porzione del terreno in proprietà indivisa. L’acquisto dovrà riguardare una sola unità e tutte le sottoscrizioni raccolte verranno inserite nell’atto ufficiale di acquisto del terreno.
Il terreno in comproprietà verrà qualificato con la messa a dimora di vigneti di uva americana, tipica produzione del territorio di Carpignano Sesia, inoltre esso diventerà sede simbolica di iniziative destinate a valorizzare il territorio e ad incrementarne la conoscenza.





INTERROGAZIONE PARLAMENTARE DELL'ON. CRIPPA (MOVIMENTO 5 STELLE)
30/01/2016

Il deputato chiede di verificare se, a seguito dell'intervenuto fallimento di una delle società proprietarie del permesso Carisio (la Hydro Drilling spa, proprietaria del 5% delle quote di Compagnia Generale Idrocarburi), il progetto continui ad essere sostenibile dal punto di vista economico finanziario e se sussistano le garanzie previste dalla legge.

L'interrogazione del 23/7/2015 e la risposta del 21/1/2016

LA REGIONE PIEMONTE SI E' PRONUNCIATA: PARERE NEGATIVO
29/12/2015

La Regione ha concluso la sua istruttoria sul pozzo Carpignano Sesia 1 dir. E' arrivato l'atteso parere negativo. Un evento da festeggiare!
Quindi tutto a posto? E' finito l'incubo?
Purtroppo no!
Fino al 10 settembre 2014 il parere della Regione sarebbe stato risolutivo, perchè la V.I.A. (valutazione impatto ambientale) e l'intera procedura era di competenza regionale, ma dall'11 settembre 2014, con l'emissione del Decreto "Sblocca Italia" le cose sono cambiate in modo radicale. L'art. 38 stabilisce che "Le attivita' di ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi sono svolte a seguito del rilascio di un titolo concessorio unico che viene rilasciato ...con decreto del Ministro dello sviluppo economico, previa intesa con la regione o la provincia autonoma di Trento o di Bolzano territorialmente interessata, per le attivita' da svolgere in terraferma, sentite la Commissione per gli idrocarburi e le risorse minerarie e le Sezioni territoriali dell'Ufficio nazionale minerario idrocarburi e georisorse".
In altre parole chi decide è il Ministero, sentita (solo sentita) la Regione. Però se sente la Regione, la nostra Regione ha detto NO, qualcosa (speriamo molto) conterà pure. La Regione ha espresso il suo parere (obbligatorio) NEGATIVO. E' un passo importante! Il Presidente Chiamparino ha un peso, anche politico che il ministro non può ignorare, la Regione Piemonte è una Regione importante e i suoi tecnici sono tra i più preparati, vengono interpellati anche dal Ministero per consulenze su altri progetti. La delibera è ben motivata, l'istruttoria è stata molto approfondita e le ragioni del no sono moltissime e rivestono diversi aspetti.
Ripercorriamo le motivazioni della delibera:
- Il parere negativo del territorio, dei Comuni e della Provincia (e ora della Regione), di vari cittadini (singolarmente e tramite il Comitato DNT), di parecchie associazioni e ordini di medici;
- L'assenza di Eni al confonto pubblico;
- Il possibile inquinamento delle falde acquifere superficiali e profonde;
- I possibili danni alla salute;
- L'incompatibilità con il settore agroalimentare sviluppato sul territorio;
- L'aggravamento del traffico;
- La carenza di documentazione, anche obbligatoria;
- La sottovalutazione di molti problemi, sui quali Eni ha glissato o rimandato ad altra successiva analisi;
- Un'insufficiente analisi dei rischi;
- La mancata presentazione di documentazione integrativa richiesta dalla Conferenza dei Servizi;
- La mancanza di un piano di monitoraggio delle acque;
- La mancata predisposizione di un piano di approvigionamento idrico di emergenza "sostenibile" in caso di contaminazione dei pozzi di acqua potabile (in considerazione anche del fatto che Carpignano rifornisce anche la città di Novara e quindi il problema sarebbe grosso e richiederebbe molti litri d'acqua);
- La sottovalutazione degli scenari incidentali;
- Le emissioni in atmosfera.

La conclusione non può che essere una:
"PARERE NEGATIVO (all'unanimità)... in particolare per le potenziali ricadute conseguenti alla realizzazione del progetto sull'assetto socio-economico di un territorio particolarmente vocato alle produzioni agroalimentari e vitivinicole di pregio ed in generale caratterizzato da una naturalità del contesto ambientale, nonchè per la difficoltà di esprimere, sulla base degli elementi a disposizione, un compiuto parere in merito agli aspetti di salvaguardia e tutela del sistema delle risorse idriche, con particolare riferimento alla tutela della "Riserva integrativa e sostitutiva di emergenza" (R.I.S.E.)."

Insomma le ragioni per essere soddisfatti e ottimisti sono ben fondate, ma non bisogna assolutamente (MAI) abbassare la guardia, la battaglia non è finita, ma abbiamo un alleato importante in più!

La delibera regionale n. 27-2728 del 29/12/2015

ENI PRESENTA INTEGRAZIONI VOLONTARIE
12/11/2015

Come aveva accennato già in fase di terza conferenza dei servizi, Eni ha deciso di presentare (il 5 u.s.) delle integrazioni volontarie per tentare di porre rimedio alle contestazioni più rilevanti e alle macroscopiche mancanze evidenziate soprattutto da ARPA.

Chiarimenti volontari di Eni (zip 13,7 MB)


LA REGIONE DICE SI' ALLA OIL FREE ZONE A CARPIGNANO
11/11/2015

Su proposta del consigliere regionale Rossi Domenico, il Consiglio Regionale approva all'unanimità un ordine del giorno con espresso riferimento e contrarietà alle trivellazioni a Carpignano (esprime la propria contrarietà a ogni ipotesi di "petrolizzazione" dell'area in questione).
«L’approvazione dell’ordine del giorno odierno a Palazzo Lascaris – spiega il consigliere regionale Domenico Rossi – conferma la posizione di Regione Piemonte rispetto all’estrazioni di idrocarburi sul territorio regionale. Una linea che intende preservare e valorizzare il paesaggio oltre che puntare su risorse energetiche ecocompatibili e rinnovabili».
«La promozione della filiera agroalimentare e del turismo, connessi alla cultura e alla natura della zona deve diventare la priorità politica quando si guarda a un territorio con le caratteristiche di quello a cavallo tra le province di Novara, Vercelli e Biella» dichiara Rossi. «In quest’area – precisa il Consigliere novarese – vengono prodotte alcune delle eccellenze maggiori del territorio novarese e piemontese, penso ai vini DOCG e DOC delle colline novaresi e vercellesi, ma anche alla coltivazione del riso, alla produzione del miele oltre che alla presenza di Parchi e Riserve naturali. Chi governa ha il dovere di costruire una visione sulle potenzialità e sulle vocazioni dei diversi territori».

Il testo dell'odg

CONVOCATA LA CONFERENZA DEI SERVIZI
30/9/2015


"E' stata convocata la seconda riunione della Conferenza di Servizi per il giorno 14 ottobre 2015 ore 10,30 in merito alla Procedura di VIA di competenza Statale art. 18 l.r. 40/98 inerente il progetto "Pozzo esplorativo Carpignano Sesia 1 dir - Permesso di ricerca di idrocarburi liquidi e gassosi "Carisio". Soc. ENI S.p.A."
Con queste poche, secche parole la Regione ha annunciato la prosecuzione della procedura di V.I.A. in tempi molto ravvicinati.
Le novità sono molte: prima di tutto la sede, che è diventata la Direzione Competitività del Sistema Regionale, poi il Responsabile del Procedimento (a seguito di "ristrutturazione dell'ente regionale"), che ora è il dott. Stefano Bellezza, Responsabile del Settore regionale Polizia mineraria, cave e miniere. Funzionari incaricati per l'istruttoria restano il dott. Pierpaolo Varetto e l'ing. Michelangelo Gilli, che seguono il progetto fin dall'inizio.

Convocazione Conferenza dei Servizi



...ED ECCO LE INTEGRAZIONI
27/8/2015


All'ultimo giorno utile, come al solito, arrivano le integrazioni di Eni e le risposte ai numerosissimi quesiti del Ministero e della Regione Piemonte.
Pubblichiamo tutti i file invitando gli enti, le associazioni e le persone interessate a presentare osservazioni.

Le integrazioni (zip 130 MB)

PROROGATO IL TERMINE PER LA CONSEGNA DELLE INTEGRAZIONI
16/7/2015

Siam//o all'ennesima proroga ad Eni, concessa con una prontezza encomiabile.
Ministero efficientissimo.

Richiesta proroga
Lettera di concessione

LA CHIESA SI SCHIERA CONTRO I POZZI
12/7/2015

Leggi il documento:
Dichiarazione di sostegno dell'Ufficio Piemontese Pastorale Sociale e del Lavoro del Piemonte

Importante presa di posizione da parte dei Vescovi piemontesi.
"Come Commissione Regionale della Pastorale del Lavoro, Giustizia e Pace e Custodia del Creato, da sempre abbiamo avuto uno sguardo amoroso e preoccupato verso i nostri territori, fonti di vita per la popolazione.
Con questa nota facciamo nostre le preoccupazioni delle Commissioni della Pastorale Sociale e del lavoro, Giustizia e Pace e Custodia del Creato delle diocesi coinvolte e desideriamo esprimere il sostegno alle iniziative locali che si oppongono ai progetti suddetti. Questi progetti, infatti, oltre al rischio per la salute degli abitanti mettono a repentaglio la bellezza dell’ambiente e snaturano con conseguenze gravi la vocazione turistica, agricola, vitivinicola dei nostri territori, mettendo, di conseguenza, a rischio molti posti di lavoro.
Occorre un’assunzione di responsabilità ambientale, economica e sociale da parte di ogni cittadino, soprattutto da parte di chi si dice cristiano e/o ha responsabilità pubbliche nel prendere in seria considerazione tutte le possibili interazioni tra ricerche di nuove fonti di energia che prevedono modificazioni al patrimonio idrico e le ripercussioni sulla salute derivanti dal rischio di compromissione delle falde acquifere. Questo non solo nel territorio in questione, ma su tutto il territorio oggetto di permessi.
Per questo è urgente deciderci di abitare il mondo diversamente, animati da una spiritualità e da un’etica generatrici nel quotidiano di nuovi stili di vita, personali e comunitari."

Articolo de "L'Azione" del 10 luglio 2015
Articolo del quotidiano "La Stampa"
TG3 Piemonte del 12 luglio 2015. Dal minuto 13:14 parla delle trivellazioni di Carpignano

LA PROCEDURA CONTINUA. TUTTA LA DOCUMENTAZIONE AL MINISTERO DELL'AMBIENTE
29/05/2015

Altri 45 giorni concessi all'Eni per presentare le integrazioni. L'istruttoria continua; le richieste e le osservazioni presentate nella Conferenza dei servizi prendono corpo, sotto forma di richieste di integrazioni del Ministero dell'Ambiente.
La Regione non ha ancora espresso il suo parere,perchè subordinato alla risposta ai quesiti emersi in sede di V.I.A.
Lo stillicidio continua...

Richiesta di integrazioni del Ministero dell'Ambiente-1
Richiesta di integrazioni del Ministero dell'Ambiente-2

PRIME RISULTANZE ISTRUTTORIE E RICHIESTE INTEGRAZIONI DOCUMENTI
13/4/2015

Lettera Regione Piemonte del 13-04-2015 Prime risultanze istruttorie e richieste integrazioni documenti


TG2 del 14 aprile 2015: dal minuto 1:40 parla di Carpignano

ALL'AUDIZIONE CON L'ENI E' ASSENTE...L'ENI
7/4/2015



L'Eni non si è presentato questa mattina all'incontro pubblico promosso dalla Regione Piemonte nel quale i cittadini e le associazioni che non partecipano alla Conferenza dei Servizi avrebbero potuto fare domande ed ottenere risposte dal proponente il pozzo esplorativo Carpignano Sesia 1 dir.
L'incontro si è svolto ugualmente con la partecipazione di tre assessori regionali (De Santis-Valmaggia e Ferrari) e i tecnici della Regione e della Provincia di Novara.
Stigmatizzato da tutti il comportamento di Eni.

La registrazione degli interventi della mattinata:




Qui sotto l'intervento dell'assessore Ferrari che sintetizza la posizione della Giunta Regionale



Infine alcuni appunti presi nella mattinata:
Appunti



AUDIZIONE IN REGIONE SUI POZZI
31/03/2015


La Regione convoca i sindaci dei Comuni di Briona, Carpignano, Ghemme, Fara, Landiona, Sillavengo, Sizzano, Arborio, Gattinara, Ghislarengo e Lenta per un'audizione in merito al progetto presentato dall'Eni riguardante il pozzo esplorativo il 9 aprile 2015 alle ore 15.45 a Torino. Questo evento seguirà l'incontro pubblico, immediatamente precedente, che si terrà presso la Provincia di Novara l'8 aprile 2015 alle ore 10.30 e che sarà invece aperto a tutta la popolazione.

La lettera di invito
Confronto 8 aprile 2015

LE OSSERVAZIONI DEL PUBBLICO AL PROGETTO
14/03/2015


Molti sono i movimenti e le associazioni che hanno depositato osservazioni.
Tutti i documenti sono fatti molto bene e con la passione di chi alla difesa dell'ambiente ci crede davvero.



Osservazioni del Comune di Carpignano Sesia
Osservazioni presentate dal Comitato Dnt
Osservazioni presentate dall'associazione Acqua Bene Comune
Osservazioni presentate dai medici dell'Isde
Osservazioni presentate da Nuovo Senso Civico
Osservazioni presentate da Legambiente
Osservazioni presentate dal dott. Marcello Marafante
Osservazioni presentate da vari cittadini e associazioni
Osservazioni presentate dai sigg.G. Azara, V. Lepori, M. Macchiarulo
Osservazioni presentate dal sig. Marcello Contini

Verbale della Conferenza dei servizi del 18 febbraio 2015
Verbale della Conferenza dei servizi del 28 gennaio 2015

IMPORTANTE E DECISA PRESA DI POSIZIONE-BEN MOTIVATA-DEL PD NOVARESE
27 gennaio 2015

Il documento di presa di posizione del PD contro il pozzo Eni



NATALE 2014: ENI REGALA UN NUOVO POZZO AI CARPIGNANESI
23/12/2014

avviso pubblico

Leggimi
Sintesi non tecnica(6,92 MB)
Documentazione I parte (zip 38 MB)
Documentazione II parte (zip 134 MB)


POZZI: A CHE PUNTO SIAMO? ENI ci riprova...Carpignano non cede! - Il filmato della serata
10/10/2014